Cultura e creatività per una ripresa più inclusiva: lo Stato come un facilitatore